microsoft tik tok

Microsoft afferma che il CEO Satya Nadella ha parlato con Trump dell’acquisto di TikTok

I colloqui dovrebbero essere completati entro il 15 settembre

Domenica, in un post sul blog, Microsoft ha dichiarato di essere “pronta a continuare le discussioni per esplorare un acquisto di Tik Tok negli Stati Uniti“, a seguito di una conversazione tra il CEO Satya Nadella e il presidente Trump. 

È la prima volta che l’azienda conferma che è in corso un colloquio per acquisire la piattaforma di condivisione video.

“Microsoft apprezza pienamente l’importanza di rispondere alle preoccupazioni del Presidente. Si impegna ad acquisire TikTok soggetto a una completa revisione della sicurezza e a fornire benefici economici adeguati agli Stati Uniti, incluso il Tesoro degli Stati Uniti “, si legge nel post del blog. 

Aggiunge che la società prevede di spostarsi “rapidamente per proseguire le discussioni con la società madre di Tik Tok, ByteDance, nel giro di poche settimane e in ogni caso completando tali discussioni entro il 15 settembre 2020“.

Il post sul blog afferma inoltre che “le due società hanno comunicato la propria intenzione di esplorare una proposta preliminare che implicherebbe un acquisto del servizio Tik Tok negli Stati Uniti, in Canada, Australia e Nuova Zelanda e comporterebbe la proprietà e il funzionamento di Microsoft Tik Tok in questi mercati “.

Non è chiaro come Microsoft taglierebbe quei paesi da altre aree in cui TikTok opera, come l’Europa e l’Africa. Microsoft, inoltre, non si è impegnata a intraprendere l’acquisto da sola, affermando che la società “potrebbe invitare altri investitori americani a partecipare in minoranza a questo acquisto”.

Il presidente Trump ha minacciato di vietare TikTok negli Stati Uniti lo scorso venerdì. Trump ha indicato ai giornalisti che era pronto a firmare un documento per ordinare il divieto TikTok già a partire da sabato, tramite un ordine esecutivo o poteri economici di emergenza.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha menzionato la possibilità di un divieto già dal 7 luglio, dicendo che era “qualcosa che stiamo guardando”. TikTok è una consociata di ByteDance con sede a Pechino e i critici hanno definito le sue pratiche sulla privacy e potenziali legami con il governo cinese. 

Pompeo ha confrontato Tik Tok con Huawei e ZTE, due società cinesi che sono state indicate come minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Il post sul blog descrive le discussioni come “preliminari”, ma affronta i problemi di privacy, affermando che la società “garantirebbe che tutti i dati privati ​​degli utenti americani di TikTok vengano trasferiti e rimangano negli Stati Uniti.

“Nella misura in cui tali dati siano attualmente archiviati o sottoposti a backup al di fuori degli Stati Uniti”, continua il post, “Microsoft assicurerebbe che questi dati vengano eliminati dai server al di fuori del paese dopo il trasferimento.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*Campi obbligatori