app bloccate da facebook

Spotify, Pinterest, Tinder e altre app iOS si sono nuovamente bloccate a causa di un problema di Facebook

Spotify, Pinterest, Tinder e altre app iOS si sono recentemente bloccate a causa di un problema di Facebook. Un numero di app e servizi popolari tra cui Spotify, Pinterest e Tinder erano inaccessibili oggi sui dispositivi iOS a causa di un problema ora risolto che comportava il login di Facebook.

Ci sono stati rapporti diffusi sui social media delle app che si arrestavano in modo anomalo ogni volta che venivano avviati su iPhone e iPad e corrispondenti picchi di interruzioni su DownDetector.com.

La causa delle interruzioni sembra essere stata il kit di sviluppo software di Facebook, o SDK, che molte app usano per gestire gli accessi degli utenti. Gli utenti non devono utilizzare Facebook per accedere a un’app affinché ciò influisca sul loro software (non devono nemmeno averlo installato) e non sono stati segnalati arresti anomali delle stesse app su Android.

Facebook ha riconosciuto sulla sua piattaforma di sviluppo che il suo software stava causando problemi. “Siamo consapevoli e stiamo studiando un aumento degli errori sull’SDK di iOS che sta causando il crash di alcune app“, ha affermato l’azienda. In un thread di GitHub, numerosi sviluppatori hanno segnalato problemi con le loro app e accusato anche Facebook.

Tuttavia, la maggior parte degli utenti riferiva che le app stavano funzionando di nuovo, e Facebook aveva segnalato il problema come “risolto”.

Il fastidio di sviluppatori e utenti era giustificato, considerando che questa non è la prima volta che l’SDK di Facebook ha eliminato un gran numero di app. Un problema quasi identico si è verificato il 6 maggio e ha interessato decine di servizi.

Come ci ha detto lo sviluppatore di app Guilherme Rambo al momento, la radice del problema è che Facebook incoraggia gli sviluppatori a integrare i propri servizi di accesso nelle loro app offrendo loro preziose informazioni sull’utilizzo delle app e sulla pubblicità in cambio.

“Facebook spinge davvero gli sviluppatori a installare il loro SDK, probabilmente perché vogliono i dati molto ricchi che possono raccogliere sugli utenti di quell’app”, ha detto Rambo a maggio. “L’SDK è offerto per comodità sia agli sviluppatori che ai team di marketing, poiché può essere utilizzato anche per tenere traccia delle conversioni degli annunci pubblicati su Facebook.”

Ciò significa che quando si verifica un problema con i servizi di Facebook, influisce su un numero enorme di altre app, come è infatti successo. Ogni volta che un utente apre un’app utilizzando l’SDK, effettua una chiamata ai server di Facebook in preparazione dell’autenticazione di eventuali accessi. (Ecco perché l’apertura di un’app offline impedisce il problema, sebbene sia possibile installare un’app che blocca queste chiamate.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*Campi obbligatori