you tube streaming

Il punto, come sempre, è l’integrazione verticale

La prima volta che YouTube ha provato lo streaming live, ha fallito. You Tube Gaming è iniziato nel 2015, dopo che Google ha provato e non è riuscito ad acquistare Twitch, e da questo maggio il progetto è stato chiuso perché era caotico per gli utenti. “È andata piuttosto male. A dire il vero, non avrebbe potuto essere peggio ”, ha affermato il consulente di e-sport ed emittente Rod Breslau. Il fallimento ha messo fuori gioco YouTube dalla gara in cui era stato con Twitch per conquistare i cuori e le menti degli utenti dello streaming e ha impedito alla società di sviluppare davvero una solida community di live streaming. La sua morte, comunque, non fu la fine.

Negli ultimi mesi, YouTube si è posizionato per un’altra corsa alla corona. Sfruttato dall’arrivo imminente di Google Stadia, la prima incursione della società nei giochi cloud, YouTube è stato alla ricerca di talenti che può utilizzare per attirare nuovi spettatori sulla sua piattaforma. È particolarmente selvaggio se si considera che YouTube, la piattaforma video più popolare del pianeta, ha già stelle con milioni di follower. Ciò, combinato con il fatto che la piattaforma ha anche la rete di distribuzione video più efficace su Internet, significa che YouTube potrebbe rimodellare il live streaming nella sua immagine. Cioè, se ha imparato le sue lezioni dall’ultimo round.

La morte, non era la fine.


La domanda più grande, tuttavia, rimane: You Tube sarà in grado di capitalizzare l’opportunità?

Nell’ultimo mese, YouTube ha tagliato i rapporti con Jack “CouRage” Dunlop e Lachlan Power, che tra loro comandavano circa 3 milioni di follower su Twitch. Anche se sono sicuro che sono stati pagati profumatamente, Dunlop e Power trarranno beneficio anche dal loro inserimento nella scala di YouTube. Secondo Breslau, durante l’evento del buco nero di Fortnite, c’erano circa tre volte più persone che guardavano l’evento su YouTube rispetto a Twitch. Secondo YouTube, lo stream di Power da solo ha raggiunto il massimo a 198.976 concorrenti, il che è un numero davvero incredibile. Per dirlo in prospettiva: Tim “Timthetatman” Betar, uno dei creatori più seguiti su Twitch ne ha raccolto 100.000.

Più recentemente, la semifinale del campionato mondiale League of Legends è avvenuta lo scorso fine settimana, raggiungendo un picco di circa 4 milioni di spettatori simultanei – un numero che, secondo Breslau, ha reso l’evento, l’evento di e-sport più visto di tutti i tempi (esclusa la Cina). E c’erano più persone che lo guardavano su YouTube che su Twitch.

E’ generalmente meglio per gli Youtubers fare streaming su You tube

La differenza tra gli spettatori può essere spiegata dalla differenza tra il pubblico. Twitch, come piattaforma, ha una comunità costruita appositamente attorno a streaming live; La community di YouTube è incentrata su eventi e video pre-registrati. Non c’è davvero una cultura attorno allo streaming sul sito, o almeno non al di fuori di eventi politici. Ma paradossalmente, in genere è anche meglio che gli YouTuber eseguano lo streaming su YouTube, perché è lì che si trovano il loro pubblico.

Alcuni YouTuber passano su Twitch per lo streaming live, ma il loro pubblico non è affatto vicino a ciò che possono ottenere su YouTube; può essere diverso per ordini di grandezza. YouTube, afferma Breslau, è l’unica piattaforma con “una base di fan endemici con milioni di abbonati già per milioni di creatori. E hai già una piattaforma con tutti gli abbonati sulla tua piattaforma. “Traduzione: è molto più facile trasmettere in streaming al pubblico che hai già di quanto non sia trovarne una nuova, perché è più facile convertire i fan in spettatori simultanei di quanto non lo sia per convertire gli estranei di Internet in fan.

IL PUNTO DI TUTTO QUESTO È INTEGRAZIONE VERTICALE

Qui, Felix “PewDiePie” Kjellberg è probabilmente il miglior esempio. All’inizio di quest’anno ha annunciato di aver firmato un accordo di streaming esclusivo con DLive, una piattaforma di streaming live alimentata da blockchain che non ha un enorme pubblico. Ha poco più di 640.000 follower su DLive – un numero impressionante, ma nulla in confronto al suo pubblico su YouTube. Su YouTube, è il creatore più seguito della piattaforma, con ben oltre 102 milioni di persone. Se Kjellberg trasmette in streaming su YouTube, dove i suoi video registrano regolarmente milioni di visualizzazioni, si romperà proverbialmente Internet. Molte di quelle 102 milioni di persone avrebbero ricevuto una notifica che li avvisava di un flusso allo stesso tempo; se persino l’1 percento del pubblico totale di Kjellberg si presenta, è un milione di spettatori simultanei.

In entrambi i casi, la piattaforma stessa non sembra preoccuparsi: Wyatt ha scritto che il sito ha pianificato di “investire sempre nei creatori di YouTube, anche se parte della loro attività è su un’altra piattaforma”. Nel suo messaggio per me, ha anche accennato al fatto che YouTube stia effettivamente vincendo le guerre di streaming. “Indipendentemente da dove i creativi stanno trasmettendo, stanno caricando tutti su YouTube”, ha scritto, “e saremo sicuri di continuare a supportarli poiché ogni creatore di giochi è un creatore di You Tube“.


Il punto di tutto ciò è l’integrazione verticale. YouTube che paga milioni agli utenti per lo streaming esclusivo sul sito è solo Google che acquista gli spettatori per Stadia, che si integra perfettamente con YouTube in modo tale da incoraggiare gli utenti ad usarlo. Mentre Twitch sta cercando di possedere il futuro della televisione in diretta, Microsoft e Google si scontrano nella guerra per le console.

È anche il motivo per cui vedremo assolutamente altri grandi nomi cambiare piattaforma nel prossimo futuro. Tutto ciò è positivo per gli streamer, ovviamente: ottengono un giorno di paga pesante, a volte nell’ordine di sette cifre, solo per cambiare il luogo in cui creano i loro contenuti. Per le piattaforme questo è nulla, è come pagare un pedaggi. Per gli spettatori è semplice: se ti piace uno streamer, li seguirai ovunque decidano di andare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*Campi obbligatori