apple silicon

Il primo Mac basato su ARM di Apple sarà disponibile entro la fine dell’anno

Apple si sta ufficialmente spostando sui propri silicon per alcuni dei suoi hardware Mac. Definendolo un “giorno storico per il Mac”, l’amministratore delegato di Apple Tim Cook ha illustrato in dettaglio le transizioni verso PowerPC, Mac OS X e il passaggio ai chip Intel prima di svelare i suoi piani per utilizzare il proprio processore silicon basato su ARM nei Mac in futuro. È una grande mossa che significa che macOS supporterà in futuro le app iOS native e le app macOS affiancate sulle nuove macchine.

Apple rilascerà il primo Mac con Apple Silicon alla fine di quest’anno e prevede che la transizione richiederà due anni. Nuovi Mac basati su Intel sono ancora in cantiere, quindi Apple non si sta ancora muovendo esclusivamente su Mac basati su ARM. 

Tuttavia, questo è un grande cambiamento per Apple di abbandonare l’architettura basata su Intel nei Mac.

L’aggiunta più grande di questa mossa ai chip ARM è la possibilità per le app iOS e iPadOS di funzionare nativamente su macOS in futuro. “La maggior parte delle app funzionerà”, afferma Apple, il che significa che per la prima volta sarai in grado di eseguire app native macOS insieme a app native iOS.

apple silicon

Apple promette nuovi livelli di prestazioni e un consumo di energia molto inferiore con il passaggio a processori interni. Apple sta progettando la propria gamma di SoC per Mac, con funzionalità esclusive per Mac. L’architettura comune basata su ARM nei prodotti Apple dovrebbe ora rendere più semplice per gli sviluppatori la scrittura e l’ottimizzazione delle app su tutti i principali dispositivi Apple.

Le app professionali di Apple verranno aggiornate per supportare il nuovo processore silicon dell’azienda in macOS Big Sur e la società spera che gli sviluppatori aggiornino le loro app. “La stragrande maggioranza degli sviluppatori può mettere mano alle proprie app in pochi giorni”, afferma Craig Federighi, vicepresidente senior di ingegneria del software di Apple.

Microsoft sta lavorando agli aggiornamenti di Office per il nuovo Mac silicon e Word ed Excel sono già in esecuzione nativamente sui nuovi processori Mac, con PowerPoint che utilizza anche la tecnologia Metal di Apple per il rendering. Apple ha anche collaborato con Adobe per mettere in funzione queste app professionali su questi nuovi chip. Apple ha mostrato Lightroom e Photoshop in esecuzione sui nuovi Mac dell’azienda, con Photoshop PSD da 5 GB funzionante in modo nativo con animazioni fluide.

apple silicon running photoshop

MacOS Big Sur includerà anche una nuova versione di Rosetta. Apple ha utilizzato Rosetta in precedenza per il passaggio da PowerPC a Mac basati su Intel e Rosetta 2 tradurrà automaticamente le app esistenti al momento dell’installazione. Ciò significa che anche se gli sviluppatori non hanno aggiornato completamente le loro app, dovrebbero comunque funzionare senza modifiche. Apple sta inoltre utilizzando la virtualizzazione per eseguire versioni di Linux su questi nuovi Mac.

Apple sta lanciando un nuovo programma di “avvio rapido” per sviluppatori con documentazione e codice di esempio e offre accesso ai laboratori di tutto il mondo per aiutare a trasferire le app esistenti sul proprio processore Apple Silicon. Gli sviluppatori saranno inoltre in grado di accedere a un kit di transizione per sviluppatori sotto forma di un mini contenitore Mac con chip A12Z di Apple, 16 GB di RAM e SSD da 512 GB.

apple silicon developer kit

Il passaggio di Apple ai propri chip ARM arriva proprio mentre la società presenta macOS Big Sur, che include una grande riprogettazione di macOS e funzionalità di aggiornamento delle app integrate di Messaggi e Mappe.

Recenti rapporti hanno suggerito che il passaggio di Apple a ARM è stato guidato dai rallentamenti delle prestazioni di Intel. Secondo quanto riferito, Apple ha testato i chip basati su ARM nei Mac e ha riscontrato notevoli miglioramenti delle prestazioni rispetto alle alternative Intel.

La transizione di Apple verso ARM segue una mossa simile da parte di Microsoft a sperimentare Windows su ARM circa un decennio fa. Microsoft ha iniziato questo lavoro prima della versione di Windows 8 del 2012 e ha persino rilasciato il sistema operativo Windows RT progettato per l’hardware basato su ARM. Da allora Microsoft ha trasferito Windows 10 in ARM e ha lavorato con Qualcomm per integrare un processore SQ1 personalizzato nel suo dispositivo Surface Pro X.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*Campi obbligatori