Lighthouse Google

Visibilità e velocità di caricamento sono due caratteristiche su cui i webmaster devono lavorare costantemente per l’ottimizzazione di un sito web. Risulta quindi importante effettuare periodiche analisi al fine di migliorarne le prestazioni e di conseguenza migliorare la visibilità sui motori di ricerca. Esistono parecchi strumenti di analisi SEO sia gratuiti che a pagamento. Lightouse Google è un tool gratuito utile per la misurazione e l’ottimizzazione delle performance online dei siti web. In questo articolo andremo a conoscere cos’è Google Lighthouse, come funziona e quali sono i vantaggi per l’utilizzo di questo importante strumento.

Cos’è lo strumento Lighthouse Google?

Google Lighthouse è un tool open source e si distingue per il suo semplice e intuitivo utilizzo. Viene usato per migliorare le prestazioni di un sito come la velocità e la user experience, due fattori di estrema importanza che contribuiscono nel posizionamento del sito web sui motori di ricerca. 

Lightouse esegue dei test che vengono chiamati “audit” in cui vengono simulate varie situazioni come ad esempio una connessione lenta. Queste simulazioni servono per controllare la qualità di caricamento delle pagine per poter eventualmente andare ad intervenire sulle pagine più problematiche.

Come funziona Google Lighthouse?

Per effettuare un audit ci basterà aprire da Google Chrome la pagina da testare. Andremo a cliccare il tasto destro del mouse e successivamente su “Ispeziona”. Verranno aperti gli strumenti di sviluppo dove dovremo cliccare su “Lighthouse” per poter quindi generare un rapporto scegliendo se eseguire il test per mobile o desktop. 

Il report presenterà dei punteggi su cinque metriche differenti: 

  • Performance:  qui vengono analizzati i tempi di caricamento. La velocità di un sito è infatti un aspetto molto importante sia dal punto di vista della user experience sia per il ranking di Google.
  • Accessibilità: questo parametro misura il livello di accessibilità della pagina andando ad analizzare elementi come i colori e la presenza di tag. Viene inoltre controllato che la pagina sia sviluppata in modo tale da essere accessibile anche alle persone ipovedenti.
  • Best Practices: il punteggio si riferisce alla sicurezza della pagina. Vengono controllati elementi come link in uscita poco sicuri, la sicurezza dei database e gli errori.
  • SEO: questo è un report molto interessante che offre utili consigli sull’ottimizzazione SEO della pagina. Vengono ad esempio verificati la presenza del title e della Meta Description, le dimensioni dei font, le corrette istruzioni del file Robots.txt e altri elementi che incidono sul posizionamento del sito web. 
  • Progressive Web App: riguarda la scalabilità e la navigazione del sito da mobile. 

Maggiore sarà il punteggio risultante per le varie metriche analizzate, migliore sarà quindi la qualità del nostro sito. Questo strumento ci dà delle ottime basi per capire su cosa dobbiamo lavorare per l’ottimizzazione del sito web. 

Il servizio PageSpeed Insight prende proprio da Lighthouse i dati relativi alle prestazioni. 

Potrebbe anche interessarti: Google Insight Pagespeed: cos’è e come funziona

Quali sono i vantaggi di Google Lighthouse?

Lighthouse Google è un buon strumento di monitoraggio che presenta numerosi vantaggi che potremo riassumere in questi tre punti: 

  1. È un tool gratuit
  2. Il suo utilizzo è veramente semplice ed intuitivo
  3. Offre numerosi suggerimenti per l’ottimizzazione del sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *