Ranking sito web

Il ranking di un sito web non è altro che la posizione del sito stesso nei risultati di ricerca. Si tratta di un elemento importante che consente di beneficiare di numerosi vantaggi.

Vediamo, dunque, nel dettaglio come funziona e come aumentare il ranking di un sito web. 

Ranking: cos’è

Il termine ranking deriva dal verbo “to rank”, che significa “classificare”. Google e gli altri motori di ricerca, sulla base di specifici fattori qualitativi, assegnano un punteggio a ogni sito web e se questo è elevato, le pagine si posizioneranno tra i primi risultati di ricerca. I risultati verranno poi inseriti in una pagina, che nel gergo informatico prende il nome di SERP. 

Come aumentare il Google ranking 

Il Google ranking è, quindi, la posizione di un determinato sito all’interno dell’omonimo motore di ricerca. Il fine ultimo di queste operazioni è di apparire tra i primi risultati di ricerca, in modo da aumentare il numero di visitatori al sito. In realtà non si conoscono con certezza gli elementi che concorrono a un buon posizionamento nella SERP, tuttavia seguendo alcune regole base è comunque possibile ottenere un buon punteggio e scalare la classifica dei risultati.

Un primo aspetto su cui lavorare riguarda i contenuti: i motori di ricerca prediligono argomenti di qualità e che siano pertinenti al sito web su cui vengono pubblicati. Un altro fattore determinante è la link building: più è alto il numero di link che riportano al sito e più questo salirà in alto tra i risultati di ricerca. 

Di fatto i collegamenti consentono agli utenti di reperire più informazioni su un determinato argomento, ciononostante è sempre bene non esagerare altrimenti il motore di ricerca potrebbe penalizzare il sito facendolo scivolare in fondo alla classifica. 

Potrebbe anche interessarti: Lighthouse Google: migliora le prestazioni del tuo sito web

Come conoscere il ranking di un sito web

Per scoprire come è posizionato un sito all’interno dei risultati di ricerca, lo strumento più utilizzato dagli utenti è Google Search Console. Una volta registrata la proprietà, cliccando sull’opzione “Rapporti sul rendimento” il tool di Google fornirà un’attenta analisi relativa ai posizionamenti delle pagine, ma anche delle foto e dei video caricati.

Oltre a ciò è altresì possibile conoscere le pagine che hanno generato più traffico sul proprio sito web e le keywords più cercate.

In aggiunta a Google Search Console esistono tool (a pagamento) che, tra le tante funzionalità, permettono di monitorare il ranking del proprio sito. Tra questi troviamo SEO Zoom, Google Rank Checker, SEM Rush, Advanced web ranking e molti altri.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.